BLOG

guida seo per principianti

Guida SEO per principianti: le regole base

Come si posiziona il vostro sito web o blog nei motori di ricerca? Quali sono le strategie più efficaci per migliorarne la visibilità? Abbiamo preparato una guida SEO adatta a chi si approccia per la prima volta a questo genere di tematiche: regole semplici e immediate, da mettere subito in pratica.

Come sempre è utile partire dalla base: SEO è l’acronimo di Search Engine Optimization, ovvero Ottimizzazione per i Motori di Ricerca. Si tratta di una disciplina del marketing il cui obiettivo è l’aumento di visibilità organica (non a pagamento) nei motori stessi, primo fra tutti Google.


search engine optimization guida seo principianti

Un motore di ricerca risponde alle domande poste dagli utenti, basandosi su rilevanza e popolarità delle singole pagine web. Per arrivare a questo risultato si basa su diversi algoritmi, che filtrano i risultati in base a centinaia di variabili, i Search Engine Ranking Factors. Per quanto varino in misura più o meno ampia di anno in anno, è utile sapere che hanno a che fare ad esempio con engagement e traffico generato dalla pagina, link in entrata e ottimizzazione della struttura del sito.

Variano inoltre tra un motore di ricerca all’altro: Moz, una delle più grandi società di consulenza SEO al mondo, ha stilato una breve lista dei fattori da non dimenticare per l’ottimizzazione su Google e Bing.

 

GoogleBing
  • il sito deve avere una gerarchia chiara tra le pagine
  • la navigazione tra le pagine deve avvenire anche attraverso i link testuali
  • i tag <title> e <alt> devono essere descrittivi e accurati
  • pagine ricche di contenuti si posizionano meglio
  • gli URL devono essere descrittivi e human-friendly
  • è preferibile avere URL ricchi di keyword
  • il contenuto deve contenere le keyword per cui ci si vuole posizionare
  • evitare pagine con troppi contenuti rich media (es: Adobe Flash)
  • i contenuti rich media non devono contenere link nascosti

guida-seo-principianti-come-utilizzare-keyword-e-meta-tag

Come è facilmente intuibile dalla tabella, le keyword giocano un ruolo fondamentale nella SEO. La loro selezione ricorda la scelta dell’hashtag, di cui vi abbiamo già parlato in una guida precedente: devono essere poche, specifiche e rilevanti. Viste le milioni di pagine web è ormai quasi inutile puntare a chiavi di ricerca troppo vaghe: pensate alla vostra nicchia e chiedetevi quale ricerca potrebbe portare il target di riferimento a voi. Seguite l’esempio di Amazon e puntate alla coda lunga.

Ricordatevi inoltre che Google premia la rilevanza: troppe keyword generano confusione, meglio poche ma buone. Inseritele nel titolo, nei metadata e nel testo.

Ricordatevi di inserire sempre – ove possibile – la keyword principale nel titolo e negli alt tag delle immagini, senza perdere però di vista la leggibilità. Un buon titolo arriva a un massimo di 65-75 caratteri.

guida seo principianti strategie di link building

Non vanno dimenticati infine i link: interni ed esterni. Linkare contenuti diversi del proprio sito permette di aumentarne il traffico, aumentando al contempo le relazioni riconosciute dal motore di ricerca.

Altrettanto importanti sono i link in entrata, soprattutto se da siti già considerati autorevoli da Google e Bing. Se siete fortunati (o il vostro sito presenta contenuti interessanti) potrete sfruttare l’entrata di link naturali (definiti anche “editoriali”). Se volete invece dare una marcia in più a qualche pagina in particolare potete fare uso di strategie di link building o attività di outreach con blogger o testate, aumentando così l’autorevolezza del vostro sito.

About Valeria

Social Media & Content Manager Nel tempo libero scrivo per Grazia.it e nel mio blog personale, colleziono makeup e fotografo cibo e paesaggi."Music is my comfort zone"

TAGS > , ,

Post a comment